presentazione disputatio

Gorgia da Lentini

Gorgia da Lentini

difeso da


Tutto è persuasione

Per Gorgia, l'inventore della retorica, la parola, il suo incantesimo, "seduce, persuade e trasforma l'anima". La verità si mischia sempre alla persuasione, a quell'arte che fa "sembrare grandi le piccole cose e piccole le grandi con la forza del lógos". Gorgia, per questa convinzione, si è guadagnato l'appellativo di sofista, sapiente in greco, imbroglione nell'immaginario comune, o meglio, persona in grado di dimostrare che è vero anche ciò che non lo è..

Esistono molte verità

Gorgia è un "relativista". Il vero non è assoluto, unico; non è sciolto dall'angolo visuale dell'individuo: tante teste, tante verità. I sofisti, appassionati viaggiatori, rafforzano questa tesi con l'esempio dei valori, costumi e usi diversi conosciuti nei tanti paesi visitati.

Il potere crea la verità

Se tutto è falso, se ogni cosa è frutto del sofista truffatore, allora bisogna saper riconoscere che esiste un'etica manovrata dal potere, che d'autorità viene imposto un falso che si presenta come vero. Si parla oggi di una "tele-etica" creata e manovrata dai mezzi d'informazione. La Tv verità, per esempio, quanta verità trasmette?

 

 

 

 

 

 

 

 

La verità non esiste

 

La verità esiste?
Puntata dell' 11 giugno 2001

E' il destino della filosofia indagare il vero per distinguerlo dal falso. La ricerca di un criterio giusto per riconoscere la
verità percorre sempre la stessa strada della conoscenza, lungo tutto il pensiero occidentale. In questo cammino, sua "nemica" storica è la retorica, la tecnica del discorso abile che nella diagnosi di Platone diventa insieme medicina e veleno dell'anima. Anche le parole disoneste, insomma, possono sembrare oneste, se magistralmente combinate. E allora, è possibile e doveroso separarle? Oppure la verità sarà eternamente mescolata all'arte della persuasione?
Le prime risposte sono antiche, eppure non superate. Gorgia da Lentini, campione di retorica, e Socrate filosofo del dialogo, cacciatore del vero, tornano a discutere della quaestio per eccellenza della disputa medievale grazie a due vice del tempo contemporaneo: Giulio Giorello e Giovanni Reale, guidati come sempre dal magister televisivo Antonio Lubrano.

Vuoi provare a ragionare con noi?


Biografia di Socrate

Socrate

difeso da


La verità esiste

Socrate è il primo convinto avversario dei sofisti greci. Non nega la forza della dialettica, non disconosce l'importanza dell'attività retorica, indica però un fine diverso da quello teso soltanto alla convinzione virtuosa di chi ascolta, anzi trasforma quel fine in un mezzo di purificazione intellettuale. La verità, per lui e i suoi seguaci, emerge dal dialogo. L'unica certezza è rappresentata dalla necessità di discutere.

Esiste una sola verità

La verità è una soltanto, ed è il frutto raro del dialogo. Di discutere, dice Socrate, non si finisce mai. Gli interlocutori, attraverso il confronto democratico e dando ragione delle proprie opinioni, arrivano a quella che il filosofo ateniese chiama "omologhia",
il consenso.

La verità è più forte del potere

Ciò che è vero s'impone attraverso la sua stessa evidenza, senza mediazioni. La verità brilla di luce propria, non ha bisogno delle suggestioni del potere per essere creduta.
Non sono necessarie trappole per le bugie dette dalla "grande maestra" di retorica del millennio nuovo, la televisione; le bugie, con la ragione, si scoprono.

 

 

 

 

 

 

 


La verità esiste